Ultime recensioni

Scopri tutte le recensioni ai libri scritte dai lettori della community Babelezon.

Vuoi scrivere anche tu? Registrati o accedi al portale e inizia a partecipare con le tue opinioni!

  • Giochi e risate
     5 su 5

    Pera ormai è bravissimo in questo campo. Le sue vignette e le sue freddure non sono mai banali! Questo libro è divertentissimo e lo consiglio a tutti!

  • Fabbricante di lacrime
     1 su 5

    Mi sono imbattuta in questa storia per pura casualità, incuriosita dal titolo. A tal proposito, per tutto il libro, per la questione del fabbricante di lacrime ho continuato a pensare che fosse un personaggio negativo, quando in realtà alla fine si scopre che non è così. Durante la storia, Nica persiste a dire che vede il fabbricante di lacrime come l’uomo nero e come quella persona che porta via i bambini se si comportano male. Talvolta mi è sembrata quasi una minaccia, soprattutto quando viene detto “non puoi mentire al fabbricante di lacrime”. Quindi non ho capito, alla fine, che tipo di personaggio sia in realtà e mi chiedo se sia voluto oppure no, perché se fosse la prima ipotesi allora la questione ha ancora meno senso. Per quanto riguarda il resto della trama, a mio modesto parere, lascia a desiderare su molte questioni. Primo: questioni di FONDAMENTALE importanza risolte in due righe, come ad esempio il processo al quale è stata sottoposta la prima tutrice dell’orfanotrofio accusata di abusi sui minori. A parte il fatto che non mi tornano delle cose su questa questione e che rimango dell’idea che sia impossibile che nessuno abbia mai scoperto gli abusi di questa presunta tutrice, soprattutto perché non penso fosse l’unica a lavorare in quel posto a quel tempo, non mi dilungo troppo su questo perché mi servirebbero due pagine. Secondo: personaggi né carne né pesce. Molti personaggi appaiono totalmente a caso senza un insegnamento vero e proprio o senza utilità ai fini della storia. Spariscono nel nulla tornando dieci capitoli dopo, oppure fanno da bella presenza e basta. Terzo: il termine dell’adozione di Rigel per amore di Nica, nel quale ha utilizzato la clausola della violenza con l’aiuto il sostegno di Anna è una cosa priva di senso e campata un po’ per aria. A prescindere dal fatto che per il tipo di personaggio di cui si tratta dovrebbe finire in un centro psichiatrico, utilizzando questa clausola lui dovrebbe finire anche in carcere. Senza considerare il fatto che la madre, Anna, ha dato falsa testimonianza, reato pure quello. Quarto: baci dati senza consenso, di cui uno dato a una persona priva di sensi. Questo è un abuso. Passando ai personaggi... Lionel: inutile, ma fondamentale sottolineare che sia un molestatore della protagonista che non è mai stato denunciato. Il fatto che abbia baciato Nica con la forza, trattenendola contro la sua volontà è una molestia vera e propria. Se non fosse arrivato Rigel, cosa sarebbe successo? Senza contare che la stalkera, la segue e la importuna in continuazione e nessuno dice mai nulla a riguardo. Nica: penso che sia il personaggio più stupido di cui io abbia mai letto, onestamente. Molte questioni mi fanno pensare che ci sono stati traumi di fondamentale importante di cui non viene mai parlato. Viene detto che Nica ha perso entrambi i genitori quando aveva cinque anni, ma il trauma subito non viene mai menzionato, forse un paio di volte a far tanto. Trattato superficialmente anche il fatto che per anni abbia subito degli abusi da parte di una tutrice. A parte il fatto del processo e che qualche volta venga menzionato il fatto che Nica è terrorizzata dalle cinture, non mi è sembrato che venisse affrontato come meritava. È un tipo di trauma così grande che unito al fatto che ha perso entrambi i genitori da bambina, dovrebbe renderla un personaggio che non concorda con come è stato delineato. Nica rasenta dei livelli di ingenuità che parecchie volte la fanno sembrare stupida a livelli imbarazzanti. Rigel: a mio parere è una scelta senza senso il fatto di volerlo narrare in terza persona. Editorialmente parlando è una scelta stilistica che non si fa MAI e non ha senso, che va aggiungersi al fatto che il suo punto di vista compare totalmente a caso al capitolo tredici. Per di più, i suoi punti di vista non sono nemmeno frequenti, lungo il corso della storia, ciò mi porta a confermare che non abbia senso e disturbi solamente la lettura, parecchio anche. La domanda che mi pongo è: perché una scelta di questo tipo? che senso avrebbe? Sembra una scelta fatta per semplificarsi la vita e non entrare pienamente nella testa del personaggio, ma dato il suo profilo psicologico probabilmente mi rifiuterei io stessa di farlo. Tralasciando il fatto per un buon 70% della storia sia praticamente muto e faccia cose alquanto discutibili, molte volte descritte come scene da film horror (ad esempio quando entra in casa sbattendo la porta d’ingresso dopo aver fatto a botte con Lionel), un altro punto che mi ha disturbata parecchio è il fatto che viene descritto come un personaggio misterioso e molto particolare, quando in realtà a mio modesto parere è solamente sociopatico. Rigel, facendo una scheda del personaggio, ha il profilo psicologico di una persona che soffre di disturbo antisociale di personalità. Non può esistere il fatto che lui dica di essere innamorato di Nica da quando aveva cinque anni, primo perché non ha senso e non è possibile, e secondo perché sarebbe la giustificazione ai suoi atti di bullismo e di violenza contro di lei. Rigel ha assistito, viene precisato anche alla fine del libro, a molti momenti in cui Nica viene rinchiusa dalla tutrice nello scantinato, picchiata e abusata, e nonostante sapesse ciò si comportava in ogni caso in modo violento. Non esiste nessuna giustificazione alla violenza nei suoi confronti, nemmeno la sua presunta malattia che, io personalmente, non ho capito. Non è sano il fatto che si senta la reincarnazione del male o un demone, solamente per questa patologia, della quale per giunta non viene detto espressamente il nome, per cui ho dedotto quale fosse tramite ricerche, se fosse stato schizofrenico cosa avrebbe fatto? “La mordeva con parole affilate sperando di potersi ricavare un posto tra i suoi pensieri, di farle un briciolo del male che lei faceva a lui ogni singolo giorno.” Facendo cosa esattamente gli faceva del male? Respirando? Questo sarebbe un personaggio da idolatrare? Da definire misterioso? A me sembra solamente che sia sociopatico e che dia insegnamenti negativi. Non è nemmeno possibile il fatto che Nica si innamori di lui in questo modo ossessivo dopo averlo odiato per metà libro (giustamente) per le violenze da lui subite, è assurdo e non credibile, tanto che mi ha fatto solamente sospettare che la sua sia una sottospecie di sindrome di stoccolma. Concludo dicendo che molte scene descritte non hanno senso, che sono state insultate e distrutte figure importantissime come medici, avvocati e psicologi, e per questo motivo ritengo che non sia un libro che possa dare insegnamenti positivi o trasmettere valori importanti a chi sta leggendo.

  • La città fra le nuvole
     5 su 5

    Che sorpresa! Mi aspettavo una bella storia… ma non così tanto! E’ un libro stupendo. Un inno alla potenza dei libri, all’amicizia, alla natura… un invito a cercare la bellezza anche dove sembra non esserci, e una volta trovata, a custodirla con cura, a non sciuparla, a proteggerla. Lettura stupenda!

  • Fabbricante di lacrime
     1 su 5

    Romanzo a mio parere adatto forse alle adolescenti, troppo stucchevole nella descrizione ripetuta e davvero esagerata della bellezza di "lui". Non mi è piaciuta la sua violenza nei confronti di ogni ragazzo che si avvicina alla protagonista. Non passa il messaggio che è un comportamento malato. Ecco il motivo del mio "forse" adatto alle ragazze. Raramente mi capita dei saltare le pagine, ma in questo libro ci sono delle parti talmente ripetitive che per arrivare alla fine non ho potuto fare altrimenti.

  • One piece. Celebration edition. Con Poster (Vol. 98)
     5 su 5

    La limited edition è davvero bella con il mega poster!

  • 101 True Love Challenge - Missioni di coppia: Edizione italiana a colori
     5 su 5

    Lo amo! Avevo già preso un planner creato da Eleri e sapevo che sarei rimasta soddisfatta anche questa volta! La cura per i dettagli è pazzesca! 101 missioni di coppia, dalle più semplici (come fare la spesa assieme) alle più difficili (fare parapendio) passando per le intermedie (karaoke) Sono una più bella dell'altra e sei in bilico tra non sapere con quale iniziare e volerle fare subito tutte! Adoro adoro adoro!

  • Ridi che è meglio
     5 su 5

    Un libro game molto divertente, colorato e genuino per tutte le età. Quando ci si gioca è un po ripetitivo perché nel momento in cui incontri il "game over" bisogna ricominciare da capo e trovare la strada giusta per arrivare all'Isola che non c'è. Consigliatissimo.

  • La mascella di Caino. Il puzzle letterario più diabolico del mondo
     4 su 5

    una lettura piacevole per stimolare la mente e recuperare la creatività perduta!!

  • La grande cecità. Il cambiamento climatico e l'impensabile
     5 su 5

    Letto e riletto più volte. Un saggio fondamentale che cita tutte le parole chiave, evoca gli scenari significativi, mostra la gabbia della complessità del cambiamento climatico e la dissonanza cognitiva e culturale che ne deriva. Infine tratta e svolge gli interrogativi dello scrivere nell'Antropocene come nessun altro.

  • Qualcuno che ti ami in tutta la tua gloria devastata
     4 su 5

    Videorecensione di Leonardo Di Giorgio: https://www.youtube.com/watch?v=3y7UzJT_og8

  • Ghosting Girl
     4 su 5

    Interessante punto di vista del narratore/protagonista che si mette a nudo e non ha paura a mostrare la propria frustrazione iniziale. Ho apprezzato molto il punto di vista maschile e ho trovato interessante vedere come anche nella mente di un ragazzo i pensieri che si succedono non sono poi così diversi rispetto all'universo femminile quando ci si trova nella stessa vicenda. Ho apprezzato il linguaggio, schietto e ironico ma mai volgare e ho trovato interessanti i nickname dei personaggi. Il fil rouge di tutta la storia è chiaro e permette a chi legge di arrivare alla fine soddisfatto/a. Interessanti anche le note fantasy nei capitoli successivi, nell'insieme una lettura spensierata ma anche profonda.

  • Cucina Botanica. Vegetale, facile, veloce
     4 su 5

    Premessa : Carlotta ha rivoluzionato la mia alimentazione ed il mio gusto con la sua gentilezza, eleganza, competenza ed accuratezza...al di là di tutto, consiglio l'acquisto del libro perchè credo che lei vada sostenuta per la sua bravura e per l'eticità dei messaggi che diffonde. Cosa mi è piaciuto: Il libro è ben organizzato ed ordinato, consente una lettura agile ed una consultazione facile. Le fotografie sono una goduria per gli occhi. Le tabelle guida su modalità e tempi di cottura sono molto preziose ed utili. Le ricette sono effettivamente di semplicissima e rapidissima esecuzione, gli ingredienti facilmente reperibili e non sono presenti quegli odiosi ingredienti "simil carne/ "simil salame" ecc., poco salutari oltre che difficili da trovare. Il libro è un inno alla cucina semplice e rustica, la mia preferita, la più accogliente e confortevole che ci sia. I vari suggerimenti presenti nella parte teorica sono permeati da valori legati all'anti-spreco, all'ecologia ed alla sostenibilità in generale. Cosa non mi è piaciuto: Davvero troppe ricette sono già presenti su youtube o su instagram. È comunque carino averne una raccolta cartacea, ovviamente. Alcune ricette (poche, devo dire) sono fin troppo semplici, mi sembrano più "idee di accostamento" che "ricette" vere e proprie. Comunque, questi aspetti sono solo relativamente negativi: il libro è un regalo prezioso per chi è alle primissime armi in cucina oppure per chi non segue Carlotta su tutti i social (una zia che non ha instagram o una persona non follower vedrebbe ogni ricetta come una novità assoluta e sfiziosa)

  • LA MIA BIBLIOTECA